Fotogrammetria

La fotogrammetria è una tecnica di rilievo che permette di acquisire dei dati metrici di un oggetto (forma e posizione) tramite l’acquisizione e l’analisi di una coppia di fotogrammi.

Grazie a numerosi e sofisticati strumenti, Blueoak offre al cliente la possibilità di questi tipi di fotogrammetria:

1 – Microfotogrammetria. Trova applicazione in laboratorio, mediante utilizzo di stereoimmagini (foto classiche o digitali) ricavate con stereomicroscopi di base 6 cm. Campi d’impiego: medicina, chirurgia, scienze naturali, scienze fisiche, ecc.

2 – Fotogrammetria “degli oggetti vicini”. Molto utilizzata per il rilevamento su distanze da 1m a 30m, con basi stereometriche da 0,30m, 1,20m ed oltre. Campi d’impiego: studi per lo sviluppo urbanistico di aree dismesse o da riqualificare, indagini strutturali e creazione di modelli 3D di edifici ed infrastrutture, studi antropologici e zootecnici, indagini giudiziarie, restauro artistico di sculture e monumenti, rilievo di incidenti stradali, misurazioni d’alta precisione in officina, ecc.

3 – Fotogrammetria architettonica: una tecnica che consente di rilevare la forma, le dimensioni e la posizione di un elemento architettonico mediante una coppia di fotografie scattate con una camera stereometrica

4 – Fotogrammetria Terrestre: per riprese dalla superficie del suolo; la fotogrammetria terrestre si distingue per accuratezza di dettaglio e precisione conseguibile, quando si debbano rilevare pareti rocciose a picco od a strapiombo magari entro forre, là dove nessun aeroplano potrebbe operare.

Campi d’impiego: rilievi geo-stratigrafici strutturali di pareti a picco; mappature di alta precisione per lo studio dell’imposta delle dighe, degli sbarramenti, dei ponti, ma anche il controllo della variazione della freccia d’incurvamento dei grandi ponti sospesi, nonché la posizione delle funi in occasione dei collaudi, nelle successive posizioni del treno di veicoli sovraccaricati.

TOP